Un tetto per tutti - Alternative al cielo a scacchi

Le condizioni sociali, economiche e abitative delle persone detenute a Milano e delle loro famiglie

Con oltre ottomila persone detenute e quindicimila ingressi dalla libertà in un anno, la Lombardia è la regione italiana in cui si fa il maggior ricorso alla carcerazione. La sola città di Milano, con i suoi tre istituti penitenziari (la casa circondariale di "San Vittore" e le due case di reclusione di Opera e Bollate), 'ospita' più del 40% delle persone detenute in Lombardia e si contende con Napoli la palma della città italiana con la maggiore quantità di persone recluse1.
L'elevatissimo numero di persone recluse è uno tra i pochissimi dati ‘certi’ sulla popolazione detenuta a Milano, poiché reso noto direttamente dal Dap; per il resto si hanno molte poche informazioni sulle caratteristiche e alle condizioni personali e sociali delle persone recluse nei tre istituti penitenziari della città. Infatti sono molto scarni i dati socio-anagrafici che l’amministrazione penitenziaria rende pubbliche periodicamente nelle proprie statistiche ufficiali – età, sesso, nazionalità, residenza, stato civile, genitorialità, titolo di studio – e sempre solo aggregati a livello nazionale e regionale.
Per il resto, gli interventi e le politiche locali a favore delle persone provenienti da percorsi penali possono fare affidamento solo sulle informazioni non sistematiche né sistematizzate provenienti dall’esperienza diretta degli operatori, quindi su una conoscenza del fenomeno approssimativa e parzialmente distorta dagli stessi meccanismi che discriminano, all’interno della popolazione detenuta, tra chi è maggiormente capace di avere accesso ai servizi interni agli istituti e chi no. Una programmazione più efficace degli interventi richiederebbe invece di avere dati certi e puntuali, ad esempio, sul numero delle persone detenute che, uscendo dal carcere, si troveranno ad affrontare gravi problemi materiali, tra cui la mancanza di un alloggio; su quanti di loro potranno contare su una famiglia o una rete di amici o conoscenti capace di offrirgli un sostegno concreto di fronte a queste difficoltà; su quanti dovranno ricorrere al supporto dei servizi territoriali o all’aiuto del volontariato, e su quanti, invece, non hanno proprio nessuna idea sul modo in cui potranno risolvere questi problemi.
Per tentare di colmare almeno in parte questa lacuna, i promotori del progetto "Un tetto per tutti: alternative al cielo a scacchi" hanno promosso e realizzato uno specifico percorso di ricerca sulle condizioni sociali, economiche, lavorative e abitative dei detenuti e delle detenute – e delle loro famiglie – e sulle aspettative e le risorse su cui contano di poter disporre per affrontare l’uscita dal carcere. L’indagine si è svolta nei primi mesi del 2006 e si è dunque conclusa poco prima che fosse emanato il provvedimento di indulto che ha provvisoriamente ridotto il numero di persone presenti nelle carceri milanesi e italiane, ma che non risulta aver cambiato sostanzialmente la composizione sociale della popolazione detenuta, acuendo anzi alcuni fenomeni, come quello che riguarda la detenzione di persone straniere.

SEGNALAZIONI
(notizie su corsi, convegni, incontri pubblici,...)
IN EVIDENZA
(es. pubblicazione libro)
AREA RISERVATA
Pagina riservata agli operatori del progetto.
- Gestione Accoglienze
- Forum e all'Agenda Condivisa
Progetto finanziato da:
Fondazione Cariplo Comune di Milano Regione Lombardia